Gennaio. Una faccia rivolta al passato e una al futuro

Il primo mese dell’anno è Giano Bifronte, mese in cui vecchio e nuovo si mescolano sempre e gennaio ne porta tutti i segni. È il settembre nella stagione fredda, ma non è quello che ti concede un inizio lento e rilassato. No, gennaio ti chiede anche di più.

Arriva con una serie di cambiamenti che ti costringono a dimensionare, a prendere le misure. Alle relazioni, al lavoro. All’uso che facciamo del tempo e del suo incedere. A pretendere quella dose di coraggio, che si presenta quando qualcosa ti stravolge i piani, e bisogna comunque continuare. O ricominciare?

Cominciamo dall’inizio (che poi, ecco, è un continuo).

Abbiamo chiuso il 2018 con la pubblicazione di un nuovo sito.

Ha festeggiato così il Gruppo Torello; perché il 2018 lo hanno fatto le persone che si impegnano nel proseguire percorsi già intrapresi ma anche nell’imboccare nuove strade.

Per ogni realtà territoriale che cresce (soprattutto per la sua posizione commerciale) ci sono strade che talvolta superano i confini nazionali per dare vita a nuovi servizi: i trasporti in ambito internazionale di PNP.

Ci sono poi percorsi che portano ad un unico grande HUB e da lì proseguono per tutte le destinazioni.

Anche TN Service ha intrapreso nuove strade.

Aver integrato tante persone diverse significa che la prima, utile cernita affinché questa newsletter prenda vita, arriva da ragionamenti, considerazioni e informazioni che ci scambiamo dai canali tematici: #copywriting, #design, #social-media e così via; come dire, una sorta di intranet organizzata per argomenti (e sì, anche #cazzeggio).
Siamo sul pezzo, perché pare che ci sia un ritorno al valore delle intranet aziendali.

Non continuiamo solo cose già iniziate. Ricominciamo con nuovi e-commerce e nuovi clienti.

Pare che in quel di Milano si aggiri un sosia di Luigi; peraltro, diventata ormai la succursale di Crearts. Se giri parecchio ti capita pure questo e, inconsapevolmente, ne trai una lezione.

Quella di gennaio è una delle playlist in cui è più presente De André. Un omaggio?
Da un piccolo sondaggio interno risulta essere l’Artista più presente in tutte le playlist.
Controllate voi stessi, non fermatevi alla copertina 😛

Da una voce fuori campo: basta, smettetela di portare in ufficio i dolci che vi ha portato la befana!