Chi è Crearts: Paolo della Gatta

È il più giovane (piccolo!?) del nostro gruppo di lavoro. È il nostro nativo digitale, cresciuto con merendine ripiene di like e sharing. Ha iniziato quattro anni fa a lavorare sulle reti sociali e ad oggi è l’esperto media e di social netoworks della nostra agenzia, a giusto titolo e a ragione. È il riferimento per Facebook e Instagram per tutti i nostri clienti, il procacciatore di follower che tutti vorrebbero avere alla scrivania accanto, l’uomo che manca a Zuckerberg. E a noi… ci piace. Chi è Crearts? Paolo della Gatta, of course.

Come ti chiami?

Paolo della Gatta.

Qual è il tuo ruolo in Crearts?

Social Media Strategist.

Quanti anni hai?

22.

Di cosa ti occupi, nello specifico?

Gestione dei canali social, pianificazione della strategia e analisi dei risultati.

Sì, OK, ma ancora più nello specifico: racconta una giornata tipo.

La mattina effettuo un controllo generale di tutti i profili social dei clienti, per rispondere ad eventuali messaggi o commenti ricevuti in orari fuori ufficio. Passo poi al controllo del piano di lavoro, dove gestisco i post e le campagne Facebook Ads da programmare durante la settimana per singolo cliente.

Di quali applicazioni, software e strumenti non puoi fare a meno durante la tua giornata lavorativa?

La mia barra dei preferiti di Chrome parla chiaro, in primo piano ci sono:
Asana per gestire i task che mi vengono assegnati e tutte le deadline dei progetti. Slack per comunicare velocemente tramite chat con il resto dell’agenzia. Poi c’è Bitly, che utilizzo per realizzare shortlink. Strumento indispensabile per ogni Social Media Strategist, che permette di monitorare i click che arrivano dai social per quel determinato indirizzo, oltre ad avere un link pulito per i post. Infine c’è Fogli Google, una scheda di lavoro personalizzata da me, con la quale gestisco il piano di lavoro settimanale.

Come tieni organizzato il tuo spazio di lavoro sulla scrivania?

Ho la mania che ogni singolo oggetto sulla scrivania deve restare sempre nello stesso identico posto.

E il tuo spazio di lavoro virtuale?

Cerco di avere tutto organizzato per cartella… e anche nel mio “disordine” c’è sempre un ordine.

Qual è il tuo segreto a lavoro?

Ho la fortuna di lavorare con un team di persone con le quali c’è una vera sintonia, che si basa prima di tutto sul piano umano. Oltre a questo c’è poi la passione, quella forza maggiore che ti spinge ad affrontare la giornata lavorativa con il buon umore ed essere produttivo. Se ami ciò che fai otterrai sempre risultati positivi.

Ci consigli un libro?

Mi trovo costretto a consigliare due libri.
Per chi si sta approcciando al mondo del Social Media Marketing consiglio Strategie e tattiche di Facebook Marketing per aziende e professionisti di Veronica Gentili. Uno dei migliori nel settore. Un libro invece da tenere fisso sul comodino, da sfogliare e leggere senza impegno la sera prima di andare a dormire è I fiori del male di Baudelaire. Si, proprio così, un libro di poesie.

Qual è il miglior consiglio che hai ricevuto?

Di accettare le critiche costruttive.

Qual è il miglior consiglio che daresti?

Vedi risposta precedente.

Ciao.

Yo!