Chi è Crearts: Vincenzo Compagnone

Qual è la giornata tipo di chi lavora in Crearts? Quali sono le applicazioni più usate? Come è organizzato lo spazio di lavoro? Insomma, come si lavora in Crearts? E soprattutto… chi?

Bene o male in agenzia ogni collaboratore lavora seguendo modelli differenti durante il proprio quotidiano, nonostante gli strumenti di produttività che ci impegniamo tutti ad utilizzare: c’è chi usa soprattutto il PC, chi la penna, chi parla troppo, chi beve più caffé, chi ascolta buona musica, chi ha la scrivania sgombra da qualsiasi minutaglia e chi no. Ognuno è diverso ed ognuno, con gli altri, contribuisce a formare a quel favoloso mondo che è lo studio di Crearts.

Abbiamo quindi deciso di raccontarci, uno per uno, descrivendo al meglio le nostre personalità e le nostre peculiarità, oltre al nostro lavoro. Iniziamo dal nostro Graphic Designer, Vincenzo Compagnone, il più anziano del gruppo (crearts-ivamente parlando).

Come ti chiami?

Vinc’è.

Qual è il tuo ruolo in Crearts?

Graphic Designer.

Quanti anni hai?

25 a Novembre.

Di cosa ti occupi, nello specifico?

Mi occupo della parte grafica dell’agenzia. Sia online che offline.

Sì, OK, ma ancora più nello specifico: racconta una giornata tipo.

Uffàààà! Allora… inizio guardando la posta, Slack e Asana. Cerco di chiudere i task più veloci di solito per poi concentrarmi meglio su quelli più complicati (che mi prendono più tempo). Mentre lavoro a questi task più duraturi c’è sempre qualcos’altro che si “intromette” (una grafica per il social, una per l’articolo di un blog, un’altra per un urgenza…). Ma fa parte del lavoro 🙂

Nello specifico, relativamente all’offline, realizzo tutto il materiale grafico che andrà in stampa: biglietti da visita, carta intestata, cataloghi, block notes, pieghevoli, banner, espositori, calendari…

Per quanto riguarda l’online realizzo invece immagini per l’area social, per i siti web dei clienti, per le newsletter, per i blog…

ps: se sono pieno, in generale, è perchè c’è un certo tipo di catalogo in corso, una corporate identity, un vademecum, un calendario, o un sito web grosso.

Di quali applicazioni, software e strumenti non puoi fare a meno durante la tua giornata lavorativa?

Illustrator, Photoshop, InDesign, Acrobat Reader, Anteprima.

Vabbè… Gmail, Asana e Slack. Non mi viene in mente altro.

Come tieni organizzato il tuo spazio di lavoro sulla scrivania?

Portafoglio, occhiali e tel sotto la mela. Le chiavi a sinistra. Tastiera davanti al quaderno con gli appunti. Ogni tanto cuffie&iPod per abbandonare Spotify. La penna Pentel Superb.

E il tuo spazio di lavoro virtuale?

La scrivania del Mac è abbastanza pulita, ordinata. In alcune cartelle dei clienti ammetto che c’è un po’ di confusione… ma succede per forza di cose. Devo migliorare ja!

Per la posta archivio tutto ciò che è da archiviare man mano, ho anche la divisione dei clienti in etichette! Yeah!

Su Chrome ho i segnalibri con le pagine che utilizzo e che mi interessano maggiormente per lavoro.

Qual è il tuo segreto a lavoro?

Ja… veramente?

Ci consigli un libro?

Brand Identikit per lavoro. Manuale del Guerriero della Luce per la vita.

Qual è il miglior consiglio che hai ricevuto?

Essere sempre positivi e stare bene prima con se stessi… poi con gli altri viene in automatico.

Qual è il miglior consiglio che daresti?

Lo stesso consigliatomi.

Ciao.

Ciaone.